Orizzonte precario…


Lascio questi versi come un addio
inghiottito dalla nudità della memoria
sapendo che il mondo non ne ha bisogno
del mio saluto con la mano che trema
giù nel fondo stellato
nessuno si accorge

Orizzonte precario
mi appoggio alla tua acqua fredda
e scavo la tua fronte di cielo oscuro

Abbandonato nella nebbia fitta
non so da dove vengo e dove vado
assedio nevi che mi assediano
in balia di neri uccelli

Voglio sapere chi mi separa da una terra impazzita
e che fine faranno la mia Ombra oltre l’acqua
la pioggia che cade nella pioggia e gli Dèi fra gli alberi

In fila accanto al freddo e al destino
attendo che mi chiamino all’alba dalle pietre
volti pallidi di voci arrochite

Il mio nome è una linea che divide
la luce dall’oscurità
il mio corpo misura tra la sabbia e il cielo


GESIM HAJDARI
“Lascio questi versi come un addio”

I sordi lamenti del tempo…

2020-02-09-13-11-58

Battere uniforme delle ore,

Storia penosa della notte!

Lingua per tutti ugualmente straniera,

E chiara a tutti, come la coscienza!

Chi di noi senza angoscia ha udito

Nell’universale silenzio,

I sordi lamenti del tempo,

La profetica voce d’addio?

Così pensiamo: l’orfano mondo

È raggiunto dall’ineluttabile fato,

E nella lotta, noi, dall’intera natura

A noi stessi siamo abbandonati…


FEDOR TJUTCEV
tratto da “Insonnia”

Tenendo le cose assieme…

l'assenza di campo...

In un campo
io sono l’assenza
di campo.
Questo è
sempre opportuno.
Dovunque sono
io sono ciò che manca.

Quando cammino
divido l’aria
e sempre
l’aria si fa avanti
per riempire gli spazi
che il mio corpo occupava.

Tutti abbiamo delle ragioni
per muoverci
io mi muovo
per tenere assieme le cose.


MARK STRAND
da “Sleeping with one eye open”

Dall’altra parte dell’orizzonte…

dall'altra parte dell'orizzonte...

Vieni piano verso di me luna sdentata

Lasciatemi entrare nella grotta sottomarina

indietro restano le forme che si succedono senza lasciare traccia

tutto ciò che passa e si disfa lasciando solo un fumo bianco

indietro restano i sogni che oggi son solo ghiaccio o pietra

acqua dolce come un bacio dall’altra parte dell’orizzonte…


LEOPOLDO MARIA PANERO
tratto da “Primo amore”