Orizzonte precario…


Lascio questi versi come un addio
inghiottito dalla nudità della memoria
sapendo che il mondo non ne ha bisogno
del mio saluto con la mano che trema
giù nel fondo stellato
nessuno si accorge

Orizzonte precario
mi appoggio alla tua acqua fredda
e scavo la tua fronte di cielo oscuro

Abbandonato nella nebbia fitta
non so da dove vengo e dove vado
assedio nevi che mi assediano
in balia di neri uccelli

Voglio sapere chi mi separa da una terra impazzita
e che fine faranno la mia Ombra oltre l’acqua
la pioggia che cade nella pioggia e gli Dèi fra gli alberi

In fila accanto al freddo e al destino
attendo che mi chiamino all’alba dalle pietre
volti pallidi di voci arrochite

Il mio nome è una linea che divide
la luce dall’oscurità
il mio corpo misura tra la sabbia e il cielo


GESIM HAJDARI
“Lascio questi versi come un addio”