Niente panico…

niente panico...

Sta proprio succedendo qualcosa di molto strano. – disse Ford.
Folli e lamentosi suoni di pifferi e di violini s’incancrenirono nel vento, frittelle dolci salutarono fuori dalla strada per dieci pence l’una, orribili pesci precipitarono dal cielo, e Arthur e Ford decisero di scappare.
Si buttarono in mezzo a pesanti muri di suono, a montagne di pensiero arcaico, a valli di musica triste, a laghi di scarpe maligne e di pipistrelli stupidi, e d’un tratto sentirono una voce di ragazza.
Sembrava la voce di una persona ragionevole, ma disse solo:

– Due elevato alla potenza di centomila contro uno, in
diminuzione.

Ford scivolò lungo un raggio di luce e girò vorticosamente, cercando di individuare da dove venisse la voce, ma non vide niente che si potesse ritenere realmente verosimile.
– Che voce è questa? – gridò Arthur.
– Non lo so! – urlò Ford. – Non lo so. Sembra un indice di
probabilità.
– Probabilità? Cosa intendi dire?
– Intendo dire probabilità. Per esempio, due probabilità contro una, tre contro una, quattro contro cinque. La voce ha detto due elevato alla potenza di centomila contro uno. Una roba molto improbabile, ti pare?
– Ma cosa significa? – urlò Arthur.
– Non lo so. Non lo so proprio. Penso che siamo su un qualche
tipo di astronave.
– Posso solo dedurre – disse Arthur – che non ci troviamo negli scompartimenti di prima classe.
Nella struttura dello spaziotempo apparvero grandi, orridi rigonfiamenti.
– Aaaaaaaau – disse Arthur, sentendo il proprio corpo ammorbidirsi e piegarsi in insolite direzioni. –  Le mie gambe vanno
alla deriva nel tramonto… anche il braccio sinistro se n’è partito via.
– Ford – disse poi. – Ford, smettila! Stai diventando un pinguino!
Si sentì di nuovo la voce.

– Due elevato alla potenza di settantacinquemila contro uno, in diminuzione.

Ford sculettò furiosamente intorno a un laghetto.
– Ehi, chi siete? – disse. – Dove siete? Cosa sta succedendo? C’è
modo di fermare tutto ciò?

– Calmatevi, prego

– disse la voce, suadente come quella di
un’hostess su un aereo di linea con un’ala sola e due motori di cui uno in fiamme.

Siete in salvo. 

– Due elevato alla potenza di cinquantamila contro uno, in
diminuzione – disse la voce.

– Non credete sia il caso – stridette rauco Ford, con furia
pinguinesca – di dirci qualcosa?

La voce si auto–schiarì. Mentre un gigantesco pasticcino da tè
andava a passeggio goffamente in lontananza, disse:

– Benvenuti
sull’astronave Cuore d’Oro.

La voce continuò:

– Vi prego di non spaventarvi, qualsiasi cosa vediate o sentiate
intorno a voi. È inevitabile che per un po’ risentiate le conseguenze
dell’essere stati salvati da morte certa a un livello d’improbabilità di
due elevato alla potenza di duecentosessantasettemilasettecentonove
contro uno, in diminuzione: ripristineremo la normalità appena
saremo sicuri di cosa sia in ogni caso il normale. Grazie.

La voce tacque.

Ford e Arthur si ritrovarono in una piccola cabina rosa e brillante.
Ford era eccitatissimo.
– Arthur! – gridò. – È fantastico! Siamo stati raccolti da
un’astronave che va a propulsione d’Improbabilità Infinita! È incredibile! Ne avevo già sentito parlare, ma la cosa è sempre stata smentita! Evidentemente invece ce l’hanno fatta! Hanno creato la
Propulsione d’Improbabilità! Arthur, hai sentito, è… Arthur? Che cosa succede?
Arthur spingeva con tutta la forza la porta della cabina, che voleva aprirsi.
– Ford! – disse – qui fuori c’è un’incredibile moltitudine di
scimmie che vogliono parlarci di una sceneggiatura dell’Amleto che
avrebbero appena finito di scrivere!

– Cinque contro uno, in diminuzione… – disse la voce – quattro
contro uno, in diminuzione… tre contro uno… due… uno… fattore di probabilità di uno contro uno…

Siamo alla normalità, ripeto,
abbiamo raggiunto la normalità

– disse la voce e dopo breve pausa continuò:

– D’ora in poi
qualsiasi difficoltà incontriate è reale, quindi è un vostro problema.

Rilassatevi, prego.

p. s.

“Zaphod si girò verso Ford con espressione stravolta.
– Ford – disse – quante capsule di salvataggio ci sono?
– Nessuna – disse Ford.
– Le hai contate? – urlò Zaphod.
– Sì, due volte!”


DOUGLAS ADAMS
tratto da “Guida galattica per gli autostoppisti” e “Ristorante al termine dell’Universo”

~ MEMORIE… ~

Memorie...

Ne hanno inventate di tutti i tipi.
ddr1,2,3,4, md, sd, xd, sempre più veloci.
E sempre più capienti,
Dai pochi Kb di una volta ai giga di oggi,
in sovrabbondanza.

Puoi riempirle fino all’orlo,
non proprio all’orlo, calcolando gli indici
le tabelle, le fat, e magari un angolino per il restore
puoi cancellarla anche, quando vuoi, quante volte vuoi.

Ma con quella umana non hai speranze,
non ti lascia cancellare le cose che importano
e cancella da sola quelle che non importano
o viceversa.

Non è mancanza di spazio o una specie di garbage,
forse è un tipo di protezione,
dai sovraccarichi o dalle illusioni.

E forse non lo fa neanche tanto da sola,
c’è qualcosa che discrimina le cose che importano dalle altre.
E non sono io, o almeno non l’io che mi conosco.

Qualcosa crea indici e tabelle e associa ricordi a giorni piovosi
e altri a un raggio di sole.
Non puoi farci nulla.


FRANCO BONVINI

via Memorie – Non di questo mondo

Le parole sono puttane
costrette ad illudere
dalla tratta dell’incanto

sono ricolorate d‘amore
per un emoji opportunista
di sabato dopo la pizza

un accento saprofito
sulla oh per l‘accoglienza
tra le lenzuola del padrone

l’anima è la più richiesta
per orgasmi veloci
scartati al cioccolato

l’umanità non si lava più
gira ubriaca tra bettole
squartata dagli abusi

affasciate nei bordelli
sono streghe di ungenti
per la notte prima del rogo

e aspettano rime di poeta


CIPRIANO GENTILINO

via le parole…. — Cipriano Gentilino

~ BARBARI ~

barbari...

Sbarcano barbari con passo di felpa,
li trovi ovunque a buon prezzo.
Il vecchio sa di dov’è.
Il giovane non sa dove va.

Parlammo a sproposito di lettere:
le monete caddero non si sa dove
tutte in successione, testa, croce.
Noi altrove, infreddoliti e scossi,
senza trovarle.

Il sogno americano scavallò lucido
aree di sepolcri imbiancati
dentro giardini ornati a maggio.
Poi fai l’amore, scalci,
appena sfiorata di brezza. 

In principio fu Gregor Samsa
poi la metamorfosi, ricordi?

La bonaccia d’Agosto doppiò dicembre,
le sedie fuori stremate di brine.
La noia al governo ci sapeva fare.
Questi barbari non sono Brenno,
non aspettano, sanno procurarsi.

Mentre scriviamo nessuno legge,
già detto tutto:
emozione perfida in chi non può
rinunciare nemmeno a un quarto d’ora.


FLAVIO ALMERIGHI

via barbari — almerighi

Il peggiore!

il peggiore...

Mi hanno detto di non abbassarmi al loro livello, di essere migliore di loro, ma il fisico ne risente, la rabbia si ingrossa, vorresti infiammare il mondo. Vi dico che io voglio essere peggiore di voi, della vostra grottesca falsità, la miseria vi ucciderà e io sarò il vostro boia.


F.A.

~ A UN PASSO DA QUI… ~

a un passo da qui ...

Metti la sciarpa cuore, fuori c’è vento
non so se farà pioggia, più facile cada
lo sai, le salite al ritorno saranno
le discese di stamani dopo bacio e caffè;
poi le mode, sai bene, cadono
alla fine è solo Dio a far quadrare tutto.
Questo paese omaggia la propria morte,
l’abbraccia coi ferini, i divorzi senza lite.
Questo per tutti è amore, tranne il giorno
in cui ci afferrammo non già sconosciuti.
Qualcosa muove l’aria tra le canne
della vecchia pianola, chissà dov’è la stanza
della poesia, quante sedie vuote avrà.
Fuori siamo tutti estranei, tutti uguali,
a un passo da qui ognuno si crede unico
allo stesso modo dentro gli stessi fumi.
Per questo mi aspetto di viverti a lungo.
Sistemati la sciarpa, un altro bacio.


ALMERIGHI

via A un passo da qui — almerighi

~ DISADATTATO ~

disadattato...

Non importa che il volume sia assordante

Che la strada non finisca o che non esista percorrenza

Che le parole possano fermarsi in uno spazio occupato

Non interessa se il tempo è grigio

O solo se tempo non è mai stato

Se sfiliamo sui precipizi – spesso sperando di restare solo in equilibrio e la maggior parte delle volte ci caschiamo

Non conta saper dove andare

Non essere mai partiti

Prevedere il futuro

Sentire odori nuovi

Sperare di odorare ancora le fragranze di una vita di effluvi

Scavalcare il dolore

Nascondere Ogni paura

Importa a qualcuno di qualcuno?

Importa a qualcuno di qualcosa?

E lasciamo che il progresso diventi regresso

Che il silenzio possa non insegnare

Tanto non ha un cazzo da dire altrimenti urlava

Lasciamo che restino chiuse le porte

Che le file si sfoltiscano

Tanto le origini delle code non dovrebbero aver senso se non in chi le fa

Che tutto perda colore

Tanto le tinte sono solo dettagli

Che vuoi che possano contare

Non esiste niente oltre – restiamo fermi allora

Non senti niente?

Possiamo anche non svegliarci

Eppure

Eppure ci credo spesso più di quando vorrei

Dovrei

Posso permettermi di fare

Credere è come finire dritto dove non volevi andare – ci vai lo stesso tanto non avresti alternative.

Ma posso anche fingere di non sapere

Dirlo anche quando non lo provo

Provarlo e non saperlo dire

Sognarlo e non avere facoltà di farlo

Poterlo fare e non saper sognare

Ho imparato a distinguere nel disordine che dimora in me

Ho capito che il disordine è l’umanità ed io posso solo

Riordinare ogni tanto

Sistemare tutto – sapendo –

Che l’apparenza è solo un modo per naccontare una subdola verità

Disadattato


FRANCESCO CACCIOLA

via Disadattato — La leggerezza dell’ anima