In due ne abbiamo trenta…

baciami

In un quartier della ville Lumiere 
Dove fa sempre buio e manca l’aria 
E d’inverno come d’estate è sempre inverno 
Lei era sulle scale 
Lui accanto a lei e lei accanto a lui 
Faceva notte 
C’era un odore di zolfo 
Perché nel pomeriggio avevano ucciso le cimici 
E lei gli diceva 
È buio qui 
Manca l’aria 
E d’inverno come d’estate è sempre inverno 
Il sole del buon Dio non brilla da noi 
Ha fin troppo lavoro nei quartieri ricchi 
Stringimi tra le braccia 
Baciami 
Baciami a lungo 
Baciami 
Più tardi sarà troppo tardi 
La nostra vita è ora 
Qui si crepa di tutto 
Dal caldo e dal freddo 
Si gela si soffoca 
Manca l’aria 
Se tu smettessi di baciarmi 
Credo che morirei soffocata 
Hai quindici anni ne ho quindici anch’io 
In due ne abbiamo trenta 
A trent’anni non si è più ragazzi 
Abbiamo l’età per lavorare 
Avremo pure diritto di baciarci 
Più tardi sarà troppo tardi 
La nostra vita è ora 
Baciami!


 J.Prevert 

Annunci

Innocenza e fuoco

Innocenza e fuoco
 
Non dico nulla, è bello udire
 
l’un respiro con l’altro tra innocenza e fuoco.
 
Si sfiorano le labbra, l’un guarda l’altra
…tu m’ami
 
lascia ch’io mi sazi del tuo cuore
lascia che il tuo bacio bagnato di profumo di mimosa
m’avvolga nella bramosia d’infiniti palpiti
 
lascia che io viva con te e per te
 
quel fior che dell’aurora aspetta il raggio
per continuare a sorridere coi suoi petali,
solo cosi il tuo destino sarà il mio.


BALDO BRUNO

Il nostro bacio…

il nostro bacio...
  Lo troveremo, sì, il nostro bacio.
Sarà su di un letto di nubi,
di cristalli o di braci ?
Sarà fra un minuto, o domani,
o nel secolo futuro, o proprio all’ estrema
soglia dei mai ?
Vivi, morti ? Lo sai ?
Con la tua carne e la mia,
con il mio nome ed il tuo ?
O forse dovrà essere con altre labbra,
con altri nomi e dopo secoli,
ciò che oggi vuole essere,
qui, sin da ora ?
Non lo sappiamo. Sappiamo che sarà.
Che in qualcosa, sì, e in qualcuno
si dovrà realizzare
questo amore inventato
senza terra né data dove posarsi ora:
il grande amore sospeso.
E che forse,
dietro cortine di anni,
un bacio sotto cieli che mai abbiamo visto,
sarà,
senza che lo sappia chi crederà di darlo,
trasceso alla sua gloria,
il compimento, infine,
di quel bacio impaziente che ti vedo aspettare,
palpitante sulle labbra.
Oggi
il nostro bacio, il suo letto,
stanno nella fede soltanto.


PEDRO SALINAS