En gare.

DSC_0041 (1)

Sur la ferraille de ses infortunes, l’homme regarde sa solitude bistre dans ses yeux avec le fatalisme obtus des vaches et s’obstine à purger une peine méconnue qui fume sur la prairie vaste d’obscures coulisses

et dans le brouillard de son corps s’endort un train froidement inhabité qui reste sur le cuivre du départ et à la larme d’un regard aimé


Barbara Auzou


via En gare. — Lire dit-elle


10 pensieri su “Nella stazione…

  1. Con le sue disgrazie, l’uomo guarda la sua solitudine bistre nei suoi occhi con l’ottuso fatalismo delle mucche e persiste nel servire una frase sconosciuta che fuma sul vasto prato del dietro le quinte oscuro

    e nella nebbia del suo corpo si addormenta un treno freddamente disabitato che rimane sul rame della partenza e la lacrima di un aspetto amato
    ******
    Rileggendola si può godere della bellezza delle sue parole. Non so come le trovi ma un’universo di bellezza dimora in te. Perché sceglie il bello è arte di chi la bellezza non la comprende…la conosce e gli da del tu.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...